HomeLeggi e Decreti

La legislazione sulla sicurezza dei lavoratori

La legislazione sulla sicurezza dei lavoratori
Like Tweet Pin it Share Share Email

Tutto l’ambito normativo che regola la sicurezza negli ambienti di lavoro pone al centro della questione il lavoratore, ovvero colui che esercita una specifica attività lavorativa alle dipendenze di un datore di lavoro, pubblico o privato, con l’obiettivo di imparare un mestiere o una professione.

La legislazione sulla sicurezza dei lavoratori chiama in causa non solo norme giuridiche specifiche, ma anche tutto ciò che riguarda il rapporto diretto tra il lavoratore ed il datore di lavoro, rendendo attori protagonisti entrambi, co-fautori attivi nella gestione della sicurezza negli ambienti di lavoro. In questa direzione evolve, nel tempo, la figura del lavoratore, nettamente cambiata rispetto al passato, quando non era coinvolta in primo piano da questa mansione.

Il rapporto di dipendenza tra il datore di lavoro ed il dipendente viene stabilito da una prestazione subordinata posta in essere dallo svolgimento di un servizio, e che non si sostanzia soltanto nel rispetto delle decisioni gestionali e funzionali, ma anche nell’obbligo di osservare, scrupolosamente e nel dettaglio, tutte quelle norme stabilite appositamente per garantire la tutela dell’incolumità fisica di tutti i dipendenti dell’azienda, nonché nell’impiego di quegli strumenti e misure preventive messe a disposizione dalla stessa azienda.

La legislazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro si basa sull’assioma in base al quale il lavoratore è il primo garante della sicurezza in azienda. Il suo ruolo all’interno dell’organizzazione aziendale – impegnata costantemente nella tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori all’interno dell’azienda – è fondamentale ed è attivo nel prendere forma e consistenza proprio nel comportamento e nell’impegno a rispettare le modalità di esercizio di lavoro, nell’osservazione delle norme sulla prevenzione e sulla sicurezza.

Nel D.Lgs. 81/2008 vengono esposti, nel dettaglio, tutti i principi che ricorrono, come anche gli obblighi fondamentali dei lavoratori, ai quali spetta il compito di occuparsi della propria salute e sicurezza e di quella degli altri soggetti che si trovano ad operare all’interno dell’azienda, stabilendo anche che la responsabilità di azioni o di omissioni debba ricadere sugli stessi lavoratori.

I lavoratori hanno i seguenti doveri:

  • collaborare con il datore di lavoro nel rispetto degli obblighi che vengono stabiliti e fissati a tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro;
  • rispettare le norme e le istruzioni che vengono dettate direttamente dal datore di lavoro per quanto riguarda il tema della protezione;
  • utilizzare in modo opportuno e assolutamente adeguato tutte le attrezzature e i macchinari da lavoro, le sostanze tossiche, i mezzi di trasporto e i dispositivi di sicurezza;
  • utilizzare i dispositivi di protezione nel modo più appropriato;
  • far presente al datore di lavoro ogni condizione di pericolo, partecipando attivamente alla riduzione o eliminazione di ogni situazione grave e incombente;
  • non rimuovere né apportare modifiche ai dispositivi di sicurezza;
  • non agire in autonomia svolgendo operazioni o altre tipo di manovre che potrebbero comportare dei rischi per gli altri dipendenti;
  • partecipare ai programmi di formazione e di addestramento pianificati e organizzati dal datore di lavoro;
  • sottoporsi periodicamente ai controlli sanitari presso il medico competente.

Rispetto alla legge 626/1994, il Testo Unico attuale, che si è evoluto nel tempo grazie agli sviluppi in materia di sicurezza sul lavoro, ha introdotto alcuni argomenti nuovi, e particolarmente importanti per la figura del lavoratore. Viene infatti dato ancora più risalto al ruolo attivo del dipendente, alla sua partecipazione come persona coinvolta e impegnata in primo piano nella gestione della sicurezza nei luoghi di lavoro, e non più soltanto come mero esecutore di mansioni.

 

In definitiva, il lavoratore collabora attivamente con il datore di lavoro nel garantire un livello costante di sicurezza all’interno dell’azienda in cui lavora, adoperandosi direttamente ed immediatamente per eliminare o ridurre emergenze e pericoli che dovessero verificarsi e che possono arrecare danni ai dipendenti e a tutti i presenti all’interno dell’azienda.

Comments (0)

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi